giovedì 7 novembre 2013

Il mondo delle telenovelas

Trascorro molto tempo a casa di mia madre (che poi non è così lontana, abita nell'appartamento sotto il mio). Vuoi per compagnia, vuoi per sbrigare qualche faccenda, vuoi per pranzare sono molto spesso a casa sua. E ho scoperto il mondo delle telenovelas (o soap opera che fa più figo!).
Mia madre ha fatto delle telenovelas un vero e proprio lavoro. Nel senso che ci trascorre almeno 8 ore al giorno, 5-6 giorni a settimana, 50 settimane l'anno. Se fosse stata stipendiata sarebbe milionaria.......vabbè lasciamo stare.
Dicevo, passando tanto tempo in casa sua mi sono imbattuta in diverse telenovelas.
Hanno origini diverse: c'è quella classica sudamericana, c'è quella tedesca (!), quella italiana, quella spagnola e naturalmente quella americana. Diversi i Paesi di origine, diversi gli anni in cui sono ambientate, diverse le storie (??) ma tutte hanno in comune delle cose.
1) I soldi non sono sinonimo di felicità, anzi. Quelli più ricchi sono sempre i più tristi, meschini, falsi o sfigati di tutta la storia. Belli per forza o comunque affascinanti passano le giornate a cercare di rovinare la vita a qualcuno e ad accoppiarsi in modo casuale.
2) Gli uomini, specialmente quelli ricchi, ragionano con un solo organo. E non è il cervello. Si lasciano abbindolare come polli da qualsiasi biondina faccia loro gli occhi dolci, senza un minimo di scrupolo o di razionalità. Bruciano famiglie, dilapidano aziende familiari ultra milionarie per una scopata con una che l'ha data cinque minuti prima anche a suo padre e a suo fratello.
3) C'è sempre il puttanone. Quella che aspira al potere e la dà via a tutti i soci di maggioranza della holding (purchè imparentati tra loro) e se non basta si scopa anche il fattorino, che non si sa mai. Puntualmente rimane incinta alla prima botta. Che io mi chiedo: sei un puttanone? Ma prenditi una cazzo di pillola porca puttana!! Pertanto si ritrova madre di cinque figli da sei/sette padri diversi (alcune paternità sono ancora oggi al vaglio della genetica).
4) I personaggi non invecchiano mai. Alcuni protagonisti della telenovela che va avanti da una vita hanno sempre la stessa età. Per esempio il puttanone ha sempre 35-40 anni anche se ha un nipote di 20. Misteri della scienza.
5) Ultimo punto fondamentale. Puoi smettere di seguire una telenovela per due anni, ma quando ricominci a vederla bastano dieci minuti per capire quello che è successo nelle ultime 600 puntate. E lì forse un dubbio che stai buttando il tuo tempo dovrebbe balenarti in testa.

11 commenti:

  1. Dall'occhiata che ci butto di sfuggita ogni tanto, posso confermare tutto quello che hai scritto. Buona serata.

    RispondiElimina
  2. Guarda con mia madre c'è addirittura da sclerare perché si fa delle paranoie e dei ragionamenti sugli episodi che non ti sto a dire. E' capace di piombare a casa per una visita ed iniziare a dire " Ma secondo te perché Brooke si comporta così?"....io non so nemmeno chi e' Brooke, cioè lo so ma non me ne importa niente....Aiuto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per cominciare.....Brooke è il puttanone...:D
      Per mia madre sono come persone di famiglia, visto il tempo che ci passa insieme!!

      Elimina
  3. 25 anni fa lo guardavo anche io! poi quando ho notato (sveglia io!) che ogni tot di tempo ricominciava da capo con le stesse storie di tradimento-matrimonio-gelosia-figli, ho capito che dopo le prime 300 puntate, erano viste tutte. Ma anche le altre soap sono così? non ho mai avuto il piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte uguali, tutte dannatamente uguali.....

      Elimina
  4. Ahahah, hai fatto un dipinto, Pat! L'ultimo punto poi è dannatamente vero... Hai mai visto la parodia delle telenovelas sudamericane che faceva il trio Marchesini, Solenghi e Lopez? "Pedro perito per aria" ahah, era mitico. A casa dei miei mia madre le vede tutte le soap ed esige il silenzio attorno a sé, e vabbè...ci siamo rassegnate mia sorella ed io, ma la vera tragedia è che da qualche mese è papà che ci chiede di tacere, mentre un imbecille in gilet e vestiti assurdi dice scemenze, ahah. Eppure prima era con noi e alzava gli occhi al cielo... che gli sarà capitato? Quasi, quasi mi preoccupo...

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Quando mi sono trasferita dal Brasile in Italia, pensavo di essermene liberata finalmente... dolce illusione! Tanto che a casa mia è praticamente vietato accendere la tv in certi canali! E se per caso, mentre cambia canale mio marito trova una telenovela che non sa cosa sia, mi chiama. Di solito conosco tutte perche' sfortunatamente, in Brasile, non bastasse la produzione locale, si vedono pure quelle fatte dai vicini!!! Ultimamente, ho notato che in certo canale stanno facendo vedere Topazio... è degli anni 70 e in Brasile l'hanno fatta vedere ben 4 volte in tre canali diversi!!!

    A questo punto qualcuno mi chiederebbe che cacchio facevo così tanto tempo davanti alla tele ma ci sta da precisare che in Brasile, la tele è come la radio e se hai madre e sorella tele-dipendenti, son cavoli duri!!! :-|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luciana!!
      Topazio è un cult!! Qui la trasmettono su Tv Centro Marche ed è la prima cosa che vede mia madre appena sveglia.....poveri noi!!

      Elimina
  7. Beh io non l'ho mai visto ma Beautiful è stata la telenovelas degli ultimi dieci anni, io non l ho mai guardata ma a mia nonna piaceva un sacco, a proposito, la fanno ancora? Piacere di averti conosciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere mio!!! Benvenuta!!
      Beautiful?? E' sempre lì, inossidabile.....

      Elimina