sabato 3 gennaio 2015

L'inglese a volte serve.

A parziale modifica del mio pensiero di qualche post fa (solo gli stupidi non cambiano mai idea!), ho valutato come la lingua inglese possa venirmi incontro in certe occasioni.
Faccio qualche esempio.
Se dovessi descrivere la mia macchina direi che è una "scatoletta".
Già nelle nostre menti appare un'automobile piccola, forse anche bruttina, dove se ci entri in più di due persone dovete respirare a turno. Lo zaino della scuola riempie abbondantemente tutto il bagagliaio e le ruote sono grandi come quelle del Gaucho della Peg Perego (anche se quello è mooolto più figo!!).
Ma se ci penso un attimo...
Cazzo, ho una "citycar"!!!
Ed è tutta un'altra cosa. Adesso stiamo immaginando una macchina piccola, comoda da parcheggiare, scattante e giovane, adatta per la vita frenetica di una città che guarda al futuro.
Altro esempio.
Sono "cicciottella". Non sono obesa, ma ho qualche (???) chilo in più.
Chiudete gli occhi e vi vengono in mente quelle grassone americane che ingurgitano avidamente una ciambella fritta grande all'incirca come il vostro barboncino e bevono un milkshake da due litri, i capelli unti e sciatte da morire.
E se vi dicessi che sono una donna "curvy"?
Già immaginate una donna in carne, con le curve al posto giusto (che quelle "secche" sono tutt'ossi e nessuno vorrebbe mai abbracciare un manichino), un vestito vedononvedo, capelli fluenti e luminosi, sguardo languido e una bocca rosso baciamisubito. L'abbondanza sinonimo di bellezza, come nel dopoguerra.
Diverso, vero?
Tutto sommato questo inglese non è poi così male, potrebbe tornarmi utile in qualche occasione.
Per adesso, comunque, continuo a viaggiare su una Matiz portandomi dietro il mio culone.
Stay rock!!

4 commenti:

  1. Mi serviva una risata a quest'ora credimi!!! Grazie, sei sempre fantastica e la Matiz e' la prima macchina che ho desiderato...;-)))

    RispondiElimina
  2. Ti lovvo!!
    E' tornato utile pure a me!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao Patttttttt! Grazie per la tua accoglienza al mio post dopo un secolo! Da non sottovalutare che gli inglesi ci danno sempre del "tu" così possiamo sentirci molto più giovani! Bacio grandissimo

    RispondiElimina