venerdì 6 novembre 2015

La valletta di Sanremo

Ore 7.45. Porto a scuola Diego con la felpa e il giubbotto.

Ore 10.00 Indaffarata dal "lavoro" di casalinga, maniche corte e via andare.

Ore 12.00 Riprendo Diego, in macchina si suda anche con una maglia di cotone.

Ore 14.00 Abbiocco sul divano, sento freddo e mi infilo una felpa.

Ore 16.00 Partenza per il campo di calcio. La felpa ce l'ho ancora addosso e la macchina è infuocata, sudo come un cammello.

Ore 18.30 Aspetto Diego dopo l'allenamento, per fortuna mi sono portata il giubbotto e il foulard, fuori dallo spogliatoio c'è un vento gelido proveniente direttamente dal Polo Nord.

Ore 19.00 Scarico dalla macchina nell'ordine: spesa, borsone del calcio, immondizia varia, bombe a mano e trik-trak. Ovviamente risudo. Mi spoglio quasi completamente per preparare la cena.

Ore 20.00 Finita la cena, rimetto la felpa che ormai il sudore s'è bello raffreddato addosso a me.

Ore 20.30 Faccio una doccia, mi riprende freddo. Mi vesto "antistupro": metto sù tutto il pile che c'ho nell'armadio, compresi i pantaloni infilati nei calzettoni.

Ore 7.00 Mi risveglio scoperta e mezza nuda perchè naturalmente con tutto quel pile rischiavo l'autocombustione e inconsciamente nel sonno ha prevalso lo spirito di sopravvivenza.

Dieci cambi in 24 ore.
Sono pronta per Sanremo.

P.S.: in compenso c'ho la voce a metà tra Camilleri e un trans brasiliano (il nome si addice).

8 commenti:

  1. Pat!!! É vero! Io adesso ho vogli di inverno, ma non arriva mai... In questo limbo ci si ammala e basta! Un bacio grandissimo!

    RispondiElimina
  2. ah ah ah ah cara ti capisco, anche io, mattina freddo, pomeriggio davanti a scuola un caldo allucinante, sera agli allenamenti i pinguini che fanno il tifo dagli spalti del campo di rugby. per ora tengo botta, ma mi pizzica un po' la gola.........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio grosso problema, con queste temperature, è la macchina surriscaldata: abbasserei i sedili e mi metterei a fare un pisolino anche davanti casa, pure nel parcheggio del supermercato. Per evitare colpi di sonno guido l'aria condizionata puntata in faccia.....poi mi domando perchè tossisco da un mese...
      Impe ( come sempre a rimorchio)

      Elimina
  3. Oh Pat ogni volta che ti leggo, ti adoro di più, sei tutte noi in una persona sola...io al freddo non mi rassegnerò nemmeno a Gennaio lo sai, e così continuo a girare in magliettina, camicettina, gonnellina, giacchettina, e possibilmente senza calze. Come vedi non faccio cambi d'abito ma ho la voce tale e quale alla tua!

    RispondiElimina
  4. I pantaloni del pigliamone nei calzettoni!!!! oddio che ridere!!!

    RispondiElimina
  5. Ahahahah mi fai morire Pat, adoro i blog come i tuoi dove si ride di gusto e si sdrammatizza un po' sulle disavventure quotidiane che accomunano noi mamme e donne super indaffarate/incasinate.
    Ti ho scoperta per caso tramite il blog di Puff e chi ti molla più.
    A presto!
    Marina

    RispondiElimina